CESBA a Torino per il workshop internazionale

CESBA a Torino per il workshop internazionale

Parteciperò a Torino, il 1 luglio 2014 presso l’Environment Park, al workshop internazionale “Expanding CESBA”.

Un incontro rivolto a professionisti e organizzazioni pubbliche/private interessati al tema dei sistemi di valutazione della sostenibilità di edifici ed aree urbane. CESBA (Common European Sustainable Building Assessment) è una iniziativa europea volta all’armonizzazione dei sistemi di valutazione e alla promozione del loro impiego nel ciclo vita di edifici ed aree urbane: obiettivi, gare d’appalto, progettazione e pianificazione, realizzazione, monitoraggio, ecc.

Da tutta Europa arriveranno professionisti, esperti, accademici, enti pubblici, PMI, gestori di sistemi di valutazione, per confrontarsi in 4 sessioni tematiche:

  • Gruppo 1: Rafforzare l’economia locale: PMI opportunità
  • Gruppo 2: Quadro di riferimento per la pubblica amministrazione
  • Gruppo 3: Progetti dell’UE: risultati, sfide ed opportunità
  • Gruppo 4: Armonizzazione dei sistemi europei di valutazione.

Logo CESBA Wiki

Verrà inoltre illustrato il CESBA Wiki, il portale europeo sull’edilizia sostenibile e i sistemi di valutazione.

Con CESBA e il Gruppo 4 si affronterà il tema di come armonizzare i sistemi europei per esempio coi il nostro Protocollo ITACA di prossima emanazione come Prassi UNI. Una due giorni di sicuro interesse per capire dove l’Europa sta progredendo sulla certificazione energetico ambientale degli edifici e delle aree urbane, mentre qui da noi, forse siamo ancora molto timidi.

L’evento è gratuito ed aperto a tutti. Sarà gestito secondo il metodo SPRINT, focalizzato sullintegrazione dei contributi dei diversi portatori di interessi. I partecipanti opereranno insieme in modo rigoroso ed efficiente, con l’obiettivo di conseguire risultati utili e condivisi.

Speriamo che le esperienze europee presentate nell’incontro CESBA stimolino gli enti pubblici per un’accelerazione verso l’utilizzo e alla valorizzazione delle certificazioni energetico ambientali. Non è più tollerabile costruire in modo poco o per nulla sostenibile. Il futuro del comparto edilizio oltre che sui nuovi edifici, non può che passare attraverso il recupero degli edifici esistenti e delle aree urbane da ristrutturare e da riqualificare, farlo attraverso strumenti che ci consentiranno di valutare la bontà degli interventi, diventa fondamentale.

Qualità nella certificazione e audit energetici – SACERT GEA

Qualità nella certificazione e audit energetici – SACERT GEA

La qualità di SACERT e GEA nella certificazione energetica  e negli audit energetici ed ambientali. Questo è il tema che affronterò al seminario di formazione durante la Fiera Casa & dintorni che si svolgerà a Pordenone.

“L’efficienza energetica e la sostenibilità ambientale come opportunità”

Lunedì 7 aprile presso la sala convegni “Zuliani” del Centro servizi dalle ore 14 alle ore 18.30.

Seconda parte ore 16.30 – 18.30
La qualità “certificata” nella certificazione e diagnosi energetica
Giorgio Bertoli – co-coordinatore regionale di SACERT

Presenterò le risposte che SACERT con la Certificazione garantita e GEA con la formazione dei Auditor vuole dare per una certificazione energetica ed ambientale nel campo dell’edilizia.

Green Energy Audit

Una risposta che vuole essere una proposta per tutti i professionisti, architetti, ingegneri, periti o geometri che vogliono fornire alla propria clientela una servizio che oltre alla propria professionalità dia un elevato valore di qualità. Una certificazione e un audit garantito da un controllo da ente terzo sotto la supervisione dell’unico organismo nazionale di certificazione e ispezione ACCREDIA.

Spiegherò le procedure e il metodo di lavoro che sta dietro ad un processo di qualità e che aiuta a organizzare e nel contempo rendere semplice le nostre attività di certificazione. Le normative europee richiedono da parte di noi tecnici, competenza e formazione specifica. Operare in ambito SACERT è una risposta a questa richiesta.

L’ingresso alla fiera è libero.

ITACA e L’accreditamento degli Organismi di Ispezione

ITACA e L’accreditamento degli Organismi di Ispezione

Mentre ITACA acquisisce un importante tassello per il suo riconoscimento come protocollo di certificazione energetico ambientale, noi in Friuli abbiamo appena festeggiato i 500 giorni dalla scadenza dell’approvazione del protocollo completo della VEA.

Dal comunicato stampa emesso congiuntamente da ACCREDIA e da ITACA il 30 luglio 2013 si legge:

È stato approvato da ACCREDIA il Regolamento Tecnico RT-33 recante “Prescrizioni per l’accreditamento degli Organismi di Ispezione di tipo A, B e C ai sensi della norma UNI CEI EN ISO/IEC 17020 in conformità al Protocollo ITACA”.

Il Regolamento dà attuazione all’intesa – sottoscritta da ACCREDIA e ITACA con l’avallo della CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME – per la promozione delle certificazioni, rilasciate sotto accreditamento, che contribuiscono ad implementare le politiche regionali per la sostenibilità ambientale degli edifici.

L’evoluzione della normativa relativa alla qualità delle nuove costruzioni e la maggiore sensibilità verso un’edilizia sostenibile hanno generato una crescente richiesta di garanzia sulle prestazioni degli edifici, ottenibile anche attraverso il controllo dei consumi energetici e dei materiali impiegati, così come delle emissioni in atmosfera e della gestione dei rifiuti.

Il Regolamento Tecnico, che definisce un sistema di ispezione, coordinato ed integrato sia con i sistemi di certificazione regionali, già attivi sul territorio e basati proprio sul Protocollo ITACA, sia con il sistema di normazione tecnica (UNI e CEN), è stato elaborato da un apposito Gruppo di lavoro coordinato da ACCREDIA ed ITACA.

Il Regolamento prevede, tra l’altro, la creazione di un Registro pubblico nazionale per monitorare l’intero processo di certificazione e tracciare i certificati con un apposito codice identificativo, che permetterà anche di mappare tutti gli interventi realizzati con il Protocollo ITACA sull’intero territorio nazionale.

Non ho ancora capito bene qual’è la politica della Regione Friuli Venezia Giulia sul tema della Certificazione Energetica ed Ambientale, a suo tempo in maniera intelligente  aveva allineato il suo protocollo VEA ai criteri presenti in ITACA, ma ora sembra tutto fermo.

Il mio studio ha cercato comunque di anticipare i tempi ed è in grado, già da ora, di offrire consulenze su tutti i protocolli ITACA, dal residenziale, agli uffici, al commerciale, all’industriale e alle scuole. Abbiamo infatti ottenuto da Iisbe Italia la qualifica di Esperto ITACA Avanzato. La conferma la potete trovare a questa pagina.

Siamo quindi pronti a ricevere le vostre richieste e vi aspettiamo nei nostri uffici.

 

 

Polo Nord, mi trovate a 4,3 km li sotto in buona compagnia

Polo Nord, mi trovate a 4,3 km li sotto in buona compagnia

In qualche modo anch’io sono arrivato al Polo Nord. Per dire la verità, sono arrivato grazie agli attivisti di Greenpeace, all’interno di una sfera insieme a 3 milioni di nomi di firmatari di una petizione per la salvaguardia dell’Artico.

Sfera del tempo

Polo Nord la sfera del tempo e Greenpeace

Il punto esatto sembra sia quello sul quale, un sottomarino russo, avrebbe piantato la propria bandiera per tentare una rivendicazione territoriale. Ma l’Artico è un patrimonio di tutta l’umanità, quindi di tutti noi e di nessuno in particolare. Gli amici di Geenpeace sono partiti il 7 aprile e dopo aver camminato 8 giorni sui ghiacci dell’Artico sono riusciti a raggiungere il Polo Nord geografico il 14 aprile. Qui hanno aperto un foro nel ghiaccio e mi hanno fatto scendere nella sfera della capsula del tempo contenente la “bandiera per il futuro”, fino sul fondale a 4,3 chilometri più sotto. E’ sicuramente una azione simbolica, ma se ci impegniamo tutti, forse riusciamo a salvare l’Artico da sfruttamenti e da pericoli. Io la mia piccolissima parte l’ho fatta e tu?

La capsula del tempo verrà recuperata nel 2050, facendo i conti avrò 91 anni. Quasi quasi aggiungo un appuntamento sul mio calendario digitale, non si sa mai.

Per chi vuole conoscere meglio la missione: ecco un bel link

Per i disegni della sfera, noi tecnici non ci smentiamo mai: ecco il link

Disegno sfera del tempo

Polo Nord i disegni tecnici della sfera del tempo